Museo Pietro Canonica

facilitated menu

skip to:
content. search, section. languages, menu. utility, menu. main, menu. path, menu. footer, menu.

Home > Deposito delle... > Interno > Statua di Satiro in riposo
Share |
Statua di Satiro in riposo
Sculpture
I – II sec. d.C.
Marmo bianco
h. cm 207, largh. cm 100, spess. Cm 54; base: h. cm 14,5, largh. cm 80, prof. cm 52

La statua rappresenta un giovane Satiro coperto solamente da una pelle di pantera, appoggiato ad un tronco d'albero.
La statua, copia romana derivata dal Satiro in riposo (anapauomenos) attribuito a Prassitele, appartiene al gruppo di opere che il cardinale Scipione Borghese acquistò nel 1607 da Lelio e Tiberio Ceoli per 9000 scudi ed è documentata in uno dei disegni di Andrea Boscoli conservati presso l'Istituto Nazionale della Grafica. La popolarità della statua è attestata dalle 114 repliche fino ad oggi conosciute sebbene con diverse varianti, tra le quali si distinguono per qualità il cosiddetto “Satiro Giustiniani” in Collezione Torlonia, quello del Museo Pio Clementino nei Musei Vaticani e quello dei Musei Capitolini. L’opera è documentata nella Villa Pinciana solo agli inizi del XX secolo su un basamento ai lati della cella del Tempio di Esculapio al Giardino del Lago dove rimase per un breve periodo; nel primo decennio del Novecento la statua è documentata nello “stazzo” retrostante il Casino nobile, l’attuale piazzale Scipione Borghese dove rimase fino al 1986 quando venne rimossa per essere restaurata e sostituita in situ da una copia.

Provenance: Palazzo Ceuli in via Giulia, dal 1607 Collezione Borghese
Acquisition data: 10 luglio 1903
Inventory: VB 134
Collection: Deposito delle sculture di Villa Borghese

back to facilitated menu.